venerdì, maggio 25, 2007

Ma che, davero? No, peffindus.

Scena di qualche settimana fa: torneo di calcetto universitario, ultimi minuti di partita, risultato di parità, atmosfera abbastanza calda. Due ragazzi iniziano a litigare:
- Comunista!
- (un po' stupito)Be', vabbé, e tu sei fascista! Che cazzo vuol dire!?
- Sì, sono orgoglioso di essere fascista. E ti brucio come gli ebrei di merda!!!
Ho l'impressione che Travaglio non avrebbe risposto così. E neppure il mio coinquilino. Siccome sono costretto a vivere in mezzo a gente che confonde la destra col fascismo, rispetto molto chi invece sa distinguere. Tutto qui.

Mi mancano pochi esami alla laurea, e sono entrato in tesi. Entrare in tesi significa andare da un professore (nel mio caso una professoressa di Antropologia) e chiedere di essere seguiti nella stesura di uno scritto che, per i laureati triennali, dev'essere lungo una cinquantina di pagine, non dire niente di nuovo e avere altresì una scarsa utilità (che sia sociale, economica o numismatica poco importa). Io, solo ed esclusivamente perchè voglio sempre fare "quello che si distingue dagli altri" (è un brutto vizio, ce l'ho dalle medie) invece di farmi proporre qualcosa dalla professoressa ho deciso di imbarcarmi in un progetto personale su "nonsobenecosa la cultura pop e la figura dell'autore". La settimana scorsa sono stato dalla relatrice, le ho regalato il nostro libro.
- Ed, ecco, ho letto il libro taldeitali di sconosciutoautoreamericano e sto leggendo libropalloso di famosoantropologo...
- Bene, ma lei ha mai letto qualcosa di antropologoevidentementefamoso?
- Aem, no.
- Se lo legga, è fondamentale per avere una base antropologica. E invece di classicoantropologochenonpuònonconoscere?
- ...(ci penso un attimo) sì, certo. L'ho studiato per semiotica.
- Ma ne ha letto librofamosochetuttihannoletto?
- (mentendo) Chiaramente.
- Va bene, comunque lei le basi di comunicazione ce le ha, no? Conosce le varie teorie sulla comunicazione? NO?
- (mentendo spudoramente) Sì, abbas.
- Per esempio la teoriafamosissima di autorecheconosceanchemiasorella la conosce no?
-...ah sì, me lo ricordo. (rimpicciolendo per la vergogna)
- Eccole una lista (chilometrica n.d.a.) di libri a cui dare un'occhiata.
- La ringrazio. Allora ci sentiamo prossimamente, arrivederci.
- Sì, Albiero, ma non le parrebbe il caso di mandarmi una scaletta, o che ne so, un'introduzione della tesi di cui stiamo parlando da un mese? Almeno due righe, su. Arrivederci.






nota: il titolo è una citazione del fans di P. (O meglio: una citazione delle sue sempresianolodate conoscenze romane)

Breve dialogo dal titolo: "Verità findus (ovvero: qual è il punto?)"
A: Nel calcio vince chi si dopa.
B: E vabbè, è un commento del cazzo. Nel ciclismo vince chi si dopa. E potrei fare un milione di altri esempi.
C: Concordo con B. E' un commento fatto da chi, evidentemente, non conosce la situazione e non ha idea nè di cosa sia il calcio, nè il doping, nè evidentemente il ciclismo.




Auguri a E.B. per l'esame più importante.

1 commento:

E.B. ha detto...

Gli esami non finiscono mai. Ma ti meriti uno di "quei" grazie.